Progetti

Dalla conoscenza dei diritti alla partecipazione

Il progetto, realizzato con il supporto del VolBO, ha realizzato un percorso formativo per i volontari dell'associazione delle province di Bologna, Ferrara, Modena.

Lo scopo è quello di fornire loro conoscenze e competenze indispensabili al fine di intervenire efficacemente ai tavoli di concertazione locali e dotarli di strumenti efficaci per svolgere a pieno titolo il proprio ruolo di tutela e garanzia dei bisogni e dei diritti degli anziani.

E' noto che il volontariato, per le sue peculiarità di soggetto che riesce più di altri a “leggere” i segnali di disagio che si possono manifestare in un dato territorio, si trova ad assumere compiti che esulano dal semplice “prendersi cura di ...”, ma sempre più diventa un terminale sensibile dei vecchi bisogni e dei nuovi disagi sociali.

Per questo la conoscenza e la formazione risultano indispensabili a svolgere con competenza questo ruolo.


Comprendere la differenza attraverso la costruzione di comunità solidali

E’ un progetto interregionale che ha visto coinvolti contesti molto distanti e diversificati: da una parte i volontari dell’Associazione A.D.A.( Associazione per i Diritti degli anziani Emilia Romagna) e dall’altra le scuole.

In questo progetto sono stati coinvolti gli Istituti Professionale “Don Zefirino Jodi”, con la sua sede centrale di Reggio Emilia e con la sede distaccata di Novellara eIstituto Superiore “Federigo Enriques” di Castelfiorentino (Firenze).

Gli Istituti sono stati scelti in base all’alta percentuale di ragazzi stranieri.

Il progetto si è posto come obiettivo di sperimentare nuove forme di dialogo e di relazioni interculturali tra gli anziani con le loro storie di vita e gli adolescenti italiani e immigrati.

Il progetto, infatti, è nato sia dalla constatazione che la presenza di immigrati nel nostro Paese aumenta in modo costante e modifica profondamente lo scenario sia in termini demografici che in termini di coesione sociale, sia dalla convinzione che gli anziani, “memoria vivente” di pezzi di storia, di valori, di tradizioni, possono educare le giovani generazioni, italiane e straniere alla solidarietà e far conoscere le tradizioni sociali e culturali, l’ambiente, la storia dei diritti e dei doveri che “regolano” la comunità nella quale vivono.

Il progetto ha avuto anche il merito di rappresentare un importante momento e un’utile palestra di integrazione tra Istituzioni (Scuola, Università e Enti Locali), Terzo Settore (ADA Associazione Diritti Anziani) e soggetti partecipanti al Progetto: alunni, famiglie e insegnanti.

Il progetto ha generato una pubblicazione nella quale sono riportati i risultati del percorso e le analisi finali del gruppo di ricerca e un video nel quale è stato registrato il percorso fatto dagli studenti e dai volontari fino ad arrivare alla sua conclusione.


La rete dinamica della vita

E' un progetto di rete per l'anno 2007-2008 di carattere ambientale che ADA Emilia Romagna ha realizzato con il supporto di Vo.LA.BO.

Il territorio oggetto della ricerca-azione è stato la zona della montagna intorno a Marzabotto (BO).

Il progetto si è proposto di contrastare il senso di estraneità dei cittadini nei confronti del territorio, mostrando come sia possibile migliorare e valorizzare il proprio ambiente di vita.

Dalla consapevolezza della sua importanza può nascere la capacità e la volontà di gestire in modo più attento, rispettoso e realistico, i patrimoni naturali che ci circondano.

La ricerca ha generato una pubblicazione dove vengono raccote storie, avvenimenti, luoghi di questa bellissima parte dell'Appennino. Vai >>>




Ascoltiamo

E' un progetto di sviluppo che l'Associazione ADA Emilia Romagna ha realizzato con il supporto di VOLABO, Centro Servizi per il Volontariato di Bologna.

L'obiettivo del progetto è stato quello di migliorare i rapporti e le relazioni interpersonali delle persone anziane e fornire una risposta ai bisogni di sicurezza e di socializzazione per migliorare la qualità della vita individuale e sociale delle donne e degli uomini anziani.

Per realizzare questo obiettivo è stato organizzato un corso di formazione rivolto ai volontari, che avevano manifestato la volontà di acquisire alcuni preliminari strumenti sulla conduzione di gruppi di ascolto, acquisire competenze di tipo psicologico e relazionale (comunicazione, relazione di aiuto, gestione dei conflitti, ecc…) nell'inteno di promuovere la qualità nelle relazioni interpersonali.


Progetto C.A.R.P.A.

Con gli Anziani nelle Regioni per conoscere l'Ambiente.

Il progetto è stato promosso dall'ARCI PESCA FISA in collaborazione con l'A.D.A. Nazionale (Associazione per i diritti degli Anziani), con il contributo del Ministero della Solidarietà Sociale.

Il progetto, rivolto alle persone anziane, si propone di migliorare la loro conoscenza dell'ambiente, in particolare degli ecosistemi marini ed acquatici, e contemporaneamente di fornire le conoscenze di base della pesca sportiva, praticata nel rispetto della natura.

Inoltre, il progetto, si è proposto anche di formare gli anziani come educatori ambientali in grado di trasmettere ai giovani le conoscenze acquisite, sensibilizzandoli ai problemi ambientali e promuovendo insieme a loro iniziative di varia natura.

Il contesto scelto, dall'A.D.A. Emilia-Romagna per l'azione formativa e di ricerca ambientale nell'ambito del progetto C.A.R.P.A, è stato quello di Cervia, la città del sale, porta di accesso sud e stazione del Parco Regionale del Delta del Po.

La zona è considerata un ambiente di elevatissimo interesse naturalistico e paesaggistico, tanto da essere stata inserita come Zona Umida di Importanza Internazionale nella convenzione di Ramsar.

Pag. 1 2 3 4 5 6
 

Costruito in proprio